advertisement

Modena, cosa fare e vedere

cose da vedere a modena
advertisement

L’intera Italia come tutti sappiamo è uno scrigno pieno di tesori da scoprire, Modena rientra tra quelli più ricercati, essendo anche una città con luoghi che fanno parte del patrimonio culturale dell’UNESCO.

Una città bella, piena di vita e di cultura in cui sperimentare le delizie regionali e non solo, insomma una meta decisamente ambita per ogni genere di persona con ogni genere di gusto o preferenza.

Dove si trova Modena

Modena è un comune italiano capoluogo di provincia che si trova in Emilia Romagna. La città si trova più o meno al centro della sua provincia ed è immersa nella Val Padana tra due fiumi. Testimonianze ci dicono che già nel passato era un centro di vitale importanza, probabilmente per il commercio dovuto al fatto che possedeva uno dei più importanti porti fluviali della zona.

Cosa vedere a Modena

Per fortuna (o no) Modena è ancora abbastanza al di fuori delle rotte turistiche tradizionali, e questo la rende relativamente poco frequentata anche in alta stagione. In città e nei dintorni ci sono moltissime perle da scoprire, tra musei, architettura romanica, passeggiate per le vie del centro storico tra aperitivi e caffè sotto i portici, mercati, street art e street food e molto altro ancora attendono chi decide di visitare questa città.

Se avete poco tempo a disposizione dovrete scegliere quali attrazioni vedere, ma ovviamente è immancabile una visita al centro storico e almeno un’esperienza di enogastronomia tipica del luogo.

Duomo di Modena e Ghirlandina

Il duomo di Modena è uno splendido esempio de arte romanica che sorprende ancora per la sua straordinaria originalità e bellezza. Ideata dall’architetto Lanfranco in un atto di pura creatività e innovazione; le maggiori attrazioni al suo interno sono i Rilievi della Genesi, il Portale Maggiore, la Porta della Pescheria, le Metope, l’Altare e altre ancora, tutte all’interno della stessa cattedrale.

Accanto al duomo sorge la torre Ghirlandina, eletta a simbolo di Modena, è il campanile della chiesa ma ha sempre rivestito molta importanza per la città, scandendo le ore delle attività civiche e anche segnalando eventuali pericoli con il suo suono.

Piazza Grande e Palazzo Comunale

La piazza denominata grande di Modena è da sempre il luogo dal quale si gestisce il potere politico e religioso della città, su essa infatti affacciano il Duomo, la Ghirlandina e il Palazzo Comunale. Anche la maggior parte degli scambi commerciali avveniva in questo luogo dove si dava vita ad un enorme mercato che attirava ogni genere di commerciante.

Il Palazzo Comunale fa da cornice alla parte Nord della piazza ed è oggi tra le meraviglie dell’UNESCO. Le sue attrazioni principali sono: La Torre dell’Orologio, Il corridoio di accesso e la Sala della Torre Mozza, Il Camerino dei Confirmati, La Sala del Fuoco, La Sala del Consiglio Vecchio, La Sala degli Arazzi, La Sala dei matrimoni. Ognuna con la sua storia e la il suo fascino tutto da scoprire.

Museo Casa Enzo Ferrari

Enzo Ferrari, sicuramente il nome più grande collegato a Modena, almeno nella storia contemporanea. Il museo, ospitato proprio nella sua casa di nascita, dedicato al creatore dell’omonima casa automobilistica ospita numerose attrazioni, a partire ovviamente dalle auto esposte fino ai più moderni simulatori di Formula 1 per il divertimento di tutti.

Galleria Estense

La galleria Estense di Modena fa parte di un circuito tra questa città e la città di Ferrara, creato in passato dalla famiglia Estense, una delle signorie più potenti e famose d’Italia. Gli Estensi erano grandi mecenati e amanti dell’arte e le collezioni che oggi ospitano le gallerie lo dimostrano ampiamente. La galleria di Modena comprende 4 saloni e 16 salette espositive, piene di quadri, sculture, disegni e altri oggetti legati all’arte e alla storia dell’arte. La visita richiede almeno un paio d’ore e molte volte di più se sono presenti esposizioni temporanee.

Palazzo Ducale

Un sontuoso palazzo barocco voluto dal Duca Francesco d’Este I, oggi è per grandezza e lusso una tra le più prestigiose regge a livello Europeo e sede della famosa Accademia Militare di Modena. Il palazzo sorge dove una volta era il castello medievale cioè all’incrocio di due fiumi affluenti del Po.

A partire dal 1600 circa divenne la residenza permanente della signoria Estense così venne ristrutturato per adeguarlo alle esigenze di una corte così importante con la collaborazione di numerosi famosi architetti dell’epoca.

Palazzo del Foro Boario

Il Palazzo del Foro Boario è uno tra gli esempi migliori dell’architettura del suo genere. Fu commissionato nella prima metà del 1800 per garantire ai commercianti di bestiame un luogo idoneo agli scambi. L’impressionante struttura è lunga più di 250 metri e nasconde numerose sorprese come l’orologio nascosto dalle arcate centrali.

Su un lato si può anche vedere il parco archeologico di Novi Ark. Oggi il palazzo è la sede della facoltà di Economia di Modena.

Acetaia Comunale

L’acetaia ospita tre batterie di botti in cui si trova il prezioso aceto balsamico, tanto amato dai cittadini e dalla signoria Estense per i quali l’aceto era così prezioso da essere offerto in dono solo in occasioni speciali. Oggi vengono organizzate visite guidate all’acetaia durante cui vengono spiegate la storia e le origini di questo spettacolare prodotto tipico della zona.

Teatro Comunale Pavarotti

Il Teatro Comunale fu inaugurato nel 1841 e da allora non ha mai subito modificazioni strutturali importanti, conservando la sua unicità e bellezza negli anni. Nel tempo è stato restaurato e portato al passo con i più moderni sistemi anche di sicurezza ed è attualmente uno dei teatri di più grande pregio in Italia.

Durante la stagione ospita tutti gli spettacoli che ci si può aspettare da uno spazio di questo genere. Nel 2007 la fondazione che se ne occupa decise di intitolarlo al grande tenore Modenese Luciano Pavarotti.

Museo della Figurina

Un museo unico nel suo genere creato grazie alla donazione di intere collezioni di stampe da parte dell’imprenditore modenese Giuseppe Panini al Comune di Modena.

Fu creato nel 2006 con una raccolta che comprende non solo le figurine ma anche materiali affini, oltre a raccontare ovviamente l’evoluzione storica dei processi e delle tecniche di produzione delle stampe. Il museo ospita anche esposizioni temporanee che rimangono in tema con la sua collezione permanente.

Castello di Rossena

Il Castello di Rossena si trova sui colli dell’Emilia Romagna ed è oggi una struttura ricettiva in cui è possibile pernottare. Costruito nel 960 si è conservato nel tempo in modo perfetto ed è anche stato sottoposto ad un importante restauro nel 1999 costato oltre 2 milioni di euro. Si trova nell’omonimo borgo circondato da una stupenda vista e da paesaggi naturalistici emozionanti. Data la sua grandezza e posizione è spesso teatro di importanti convegni e ritrovi nella regione.

Cosa fare a Modena

Modena è un’esperienza completa che va dalla cultura, alla storia, al cibo, al divertimento. Le molteplici cose che la città offre pongono una scelta difficile se non si hanno almeno 3 giorni a disposizione. Iniziate da Piazza Grande e trovate la vostra strada perdendovi nel centro storico, oppure partite dai musei e finite in uno dei fantastici ristoranti locali per assaporare davvero la vostra visita.

Cosa fare con i bambini a Modena

Il Museo delle Figurine è un ottimo punto di partenza se avete paura che i vostri piccoli si annoino mentre visitate la città. Molti di loro avranno anche un ottima esperienza al museo Ferrari e sicuramente non avrete difficoltà a farli mangiare con tutte le squisitezze che ci sono da assaggiare, compresi i dolci.

Cosa mangiare a Modena

Ci sono un’infinità di piatti tipici da mangiare a Modena, non solo della città ma di tutta la regione, i più famosi e buoni sono:

Crescentine: pane tipico della tradizione, vengono di solito gustate con affettati della zona oppure con piatti umidi inzuppate nel sugo o nell’olio.

Gnocco fritto: un impasto simile alle Crescentine ma che viene tagliato a quadratini o losanghe e poi fritto pochi pezzi per volta, il risultato è una delizia morbida all’interno e croccante in superficie da riempire con qualsiasi ripieno si desideri.

Tortellini e Tortelloni: non hanno bisogno di presentazione, questa pasta ripiena tipica della zona è famosa in tutto il mondo, il ripieno può essere fantasiosamente inventato, ma il tradizionale è ricotta e spinaci.

Torta Barozzi: una famosa torta tipica fatta di cioccolato fondente, mandorle, arachidi, uova, burro e zucchero, fondi di caffè e senza farina. La ricetta originale tuttavia è segreta e riservata a chi la produce.

Ciccioli: una merenda prelibata per i Modenesi, si tratta di piccoli pezzetti di grasso di maiale che si fanno cuocere così lentamente che rilasciano tutta la parte acquosa.

Come arrivare a Modena

Ci sono molti modi per raggiungere Modena. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Bologna, a circa 45 km, e di Parma, a circa 60 km; da entrambi si può comodamente raggiungere la città con delle linee di Bus apposite.

Da molte città Italiane si può anche raggiungere Modena in treno, la città è sulla linea Bologna Milano quindi occorre prima raggiungere uno di questi due capoluoghi. Modena è anche raggiungibile in auto molto comodamente poiché costituisce un importante nodo autostradale tra Napoli e Milano.

Eventi a Modena

Modena Terre di Motori” tra Aprile e Maggio gli appassionati di auto si riuniscono per vedere moltissimi modelli d’epoca sfilare per la città oltre a mostre sull’argomento e varie gare e concorsi a tema.
Fiera di Sant’Antonio protettore degli animali” si tiene il 17 Gennaio e “Fiera di San Gemingnano protettore e Patrono della città” si tiene il 31 Gennaio, in occasione di queste 2 fiere il centro si riempie di gente e di bancarelle con prodotti tipici, si tengono inoltre cortei storici e rappresentazioni e un’usanza particolare prevede di scoperchiare il reliquiario del santo Patrono per poterlo ammirare e anche baciare il braccio se si desidera tramite un apposito contenitore.

Mak II 100” in Maggio si tiene una importante cerimonia per festeggiare gli ultimi 100 giorni di corso dei cadetti dell’accademia; oltre a prove ginniche ha anche luogo un magnifico ballo in stile ottocentesco nel cortile di Palazzo Ducale.

Il “Memoriale di Luciano Pavarotti” il 6 Settembre nell’anniversario della sua morte le vie del centro ricordano il tenore esponendo immagini nei negozi e trasmettendo le sue arie; infine si tiene un concerto in suo onore in Piazza Grande.
Festival della Filosofia” si tiene a metà Settembre e richiama sempre più appassionati ogni anno che possono ascoltare gratuitamente i dibattiti dei più grandi filosofi contemporanei su un tema che viene scelto preventivamente.
Mercato dell’antiquariato” ogni 4 sabato e domenica del mese si tiene il mercato di mobili e oggetti antichi più grande della regione, che ovviamente attira anche molte persone da fuori regione e addirittura dall’estero.

Moltissimi altri eventi hanno luogo in città che si ripetono di anno in anno o che sono solo temporanei, per consultarli basta andare sul sito della città e inserire la data che vi interessa.

Quando andare a Modena

Modena non è una città di mare o di montagna, non ha davvero importanza il tempo che farà mentre la state visitando perché sarà bella e a vostra disposizione comunque.

Se ci tenete a sapere quali mesi hanno le temperature migliori questi sono quelli primaverili, ma rischiate di incontrare un po’ di pioggia, perciò se non volete nemmeno soffrire troppo il caldo il mese migliore per visitare Modena è sicuramente Giugno. Altrimenti potete semplicemente scegliere il mese migliore in base agli eventi a cui siete interessati ad assistere.

Cosa vedere nei dintorni di Modena

Nonantola: Abbazia di San Silvestro e Museo Benedettino e Diocesano di Arte Sacra. Questo borgo e queste due destinazioni meritano sicuramente una visita se avete tempo a disposizione mentre siete a Modena, anche solo mezza giornata basterà per entrambi.

Spiliberto: Museo dell’aceto balsamico, se vi interessa scoprire la storia e le origini oltre che i metodi di produzione di questo buonissimo prodotto dovete spingervi un po’ fuori Modena, ma ne vale la pena.

Carpi: una delle città più famose nelle vicinanze di Modena, un gioiello del rinascimento con un centro medievale e con le sue chiese, soprattutto La Sagra; Carpi è anche famosa per la produzione di maglieria.

Sassuolo: il suo Palazzo Ducale è bello e famoso quasi quanto quello di Modena e il complesso che lo circonda è altrettanto affascinante da visitare.

Vignola: cittadina famosa in tutto il mondo per le sue ciliegie, ma anche un borgo medievale con il castello più degno di nota dell’intera regione, vale una visita mentre siete a Modena.

Castelvetro: un borgo medievale suggestivo caratterizzato da torri e campanili che si stagliano sulla natura circostante e sulla cittadina, la torre dell’orologio in Piazza Roma è l’esempio dal quale si goe di una stupenda vista sulla pianura.

Terme di Salvarola: questo paesello che vanta un centro termale con acque benefiche si trova su una collina che scende in un dolce pendio dove viene coltivata l’uva per il Lambrusco. Cosa si può chiedere i più?

Dove dormire a Modena

Modena non è una grande città, si tratta di un piccolo centro urbano che vi renderà più facile e più piacevole scegliere dove alloggiare, qualsiasi sia il vostro budget.

Se scegliete un alloggio fuori dal centro urbano ovviamente il costo diminuirà, ma tenete presente che se vi recate in centro con la macchina dovrete quasi certamente pagare il parcheggio e se vi recate con i mezzi pubblici dovrete sostenere il costo del biglietto, quindi fate bene i vostri conti.

A Modena ci sono molti bellissimi Hotel soprattutto in centro e molti B&B decentrati, gli appartamenti o case vacanza in affitto non sono molte, ma potete trovare degli ostelli se volete risparmiare un pochino. Il prezzo medio è leggermente più basso sia degli Hotel che delle altre strutture rispetto alle medie Europee.

Cosa non fare a Modena

Come già detto Modena non è una grande città, non potete aspettarvi che offra tutte le numerose attrazioni e divertimenti di una metropoli. Se state cercando grandi serate di movida non potrete trovarle a Modena che ha più un occhio di riguardo verso arte, cultura ed enogastronomia.

Lascia un Commento

WordPress Video Lightbox