advertisement

Perugia, cosa fare e cosa vedere

da vedere a perugia

Perugia una cittadina gioiello testimonianza della ricchezza italiana culturale e non solo. Questa piccola perla si mostra piano piano dischiudendosi davanti agli occhi dei visitatori, mentre questi passeggiano per i vicoli e le piazze.

Tesori monumentali e artistici attendono chi sa dove cercare e chi non ha fretta di avventurarsi sulle sue strade. Anche se conserva l’aspetto delle cittadine fortificate medievali, Perugia è in realtà una città ricca di vita, dovuta soprattutto al movimento che causano le migliaia di studenti che frequentano le sue antichissime università, tra cui anche molti stranieri.

Dove si trova Perugia

Perugia è capoluogo dell’Umbria e si trova più o meno al centro della regione. È un comune di circa 165 mila abitanti la cui fondazione risale ai tempi degli Etruschi. Il centro storico sorge sulle colline a circa 450 metri sopra il livello del mare.

Cosa vedere a Perugia

Perugia non è molto grande, se organizzata bene una visita alla cittadina può durare anche 1 solo giorno. Tuttavia se non si ha fretta si riesce a godere più a pieno delle sue bellezze. Il punto di partenza è certamente il centro storico e le mura medievali che ha tutto intorno; il fulcro della vita al centro è Piazza IV Novembre con la Fontana Maggiore, Palazzo dei Priori e il Duomo.

A partire da questo punto sono visitabili molte chiese importanti, monumenti e altre parti storiche, ad esempio l’acquedotto, e persino le università più antiche. Tuttavia rimane escluso tutto ciò che è fuori dal centro, ma anche i musei come la Galleria Nazionale dell’Umbra, che da sola meriterebbe una visita di più di mezza giornata.

Cattedrale di San Lorenzo

La Cattedrale di Perugia si affaccia su Piazza Danti in modo da mostrare il lato ai turisti che si trovano in Piazza IV Novembre. Questa imponente chiesa si erge alle spalle della Fontana Maggiore, la sua facciata è di fine 1700 ed è in stile barocco, mentre l’interno che comprende la divisione in 3 grandi navate con pilastri è di chiaro stile tardogotico.

L’interno merita una visita, ma anche il suo chiostro che ospita il museo Capitolare. Le scale del Duomo di Perugia sono iconiche per gli studenti che la sera ci si ritrovano seduti sopra per delle chiacchiere e una birra.

Palazzo dei Priori e Galleria Nazionale dell’Umbria

Questo palazzo storico ospita all’interno, oltre alla giunta e consiglio comunale, la Galleria Nazionale dell’Umbria, un museo che contiene opere di ogni genere, dai quadri ai gioielli, di periodi che vanno dal XII al XIX secolo. Uno dei musei più importanti d’Italia e sicuramente il più importante della regione.

Proprio dietro la Fontana Maggiore si accede al palazzo tramite la Sala dei Notari con la sua scalinata storica. Questo luogo è oggi usato per matrimoni laici e discorsi pubblici.

Rocca Paolina

La Rocca Paolina fu costruita dal papa Paolo III per essere usata come luogo sicuro di rifugio durante le sue visite in città dove non era molto amato. Per questo motivo i cannoni della Rocca erano puntati verso l’interno del borgo, cioè verso la popolazione che vi risiedeva in modo da essere usati in caso di minaccia.

La vera e propria Rocca oggi non esiste più, al suo posto c’è il Palazzo della Provincia, tuttavia esistono ancora i sotterranei che sono visitabili e in cui ogni anno vengono fatte nuove interessanti scoperte e dove si aggiungono stanze e passaggi che li rendono un vero e proprio museo ospitante mostre e spettacoli riguardanti l’intera città.

Piazza IV Novembre e fontana maggiore

La piazza principale di Perugia è molto vivace e frequentata, ci sono ovviamente alcuni dei palazzi e monumenti più antichi e pregiati della città e tra questi la Fontana Maggiore con un valore sentimentale e simbolico enorme per i cittadini. La fontana fu costruita intorno al 1275 da Giovanni e Nicola Pisano e con il suo caratteristico disegno di forma circolare è una tra le più famose d’Italia. La parte più caratteristica è il cerchio superiore che rappresenta dei personaggi chiave per la fondazione della mitica Perugia.

Inizialmente la fontana doveva essere alimentata dall’acquedotto, ma purtroppo la potenza dell’acqua non era abbastanza e così per un lungo periodo non funzionò; oggi grazie alle pompe idrauliche è possibile vederla perfettamente funzionante. Per non permettere al pubblico di rovinarla è stata circondata da una ringhiera di ferro, perciò non è possibile avvicinarsi troppo.

Piazza Italia

Questa piazza sorge su un pezzo dell’antica Rocca Paolina ed è oggi adornata con un giardino pubblico alberato e un monumento dedicato a Vittorio Emanuele II a cavallo. Tutto intorno alla piazza si affacciano numerosi edifici e palazzi importanti risalenti principalmente al 1600 e al 1700; tuttavia la piazza è un simbolo dedicato all’Italia post unità.

Grazie ai numerosi alberi e panchine la piazza è il luogo ideale per fermarsi a riposare dopo una lunga passeggiata a Perugia.

Scalinata dell’acquedotto

Nelle vicinanze di Piazza IV Novembre si può facilmente trovare l’Arco di via Appia che si apre su una scalinata particolare, immediatamente riconoscibile, appartenente all’Acquedotto Medievale di Perugia.

L’Acquedotto ormai caduto in disuso è oggi utilizzato come passaggio pedonale ed è molto gradito ai visitatori poiché la zona si trova in alto e gode di un’ottima vista sulla cittadina. In particolare dalla scalinata si possono vedere scorci mozzafiato, vale la pena passare qualche minuto ad esplorarla e salire i suoi 198 gradini.

Pozzo Etrusco

Questa antica opera è stata ritrovata nei sotterranei di palazzo Bourbon-Sorbello su Piazza Danti e risale alla seconda metà del III secolo a.C. L’opera è straordinariamente ingegnosa, ai tempi era in grado di garantire l’acqua alla città, anche in periodi di assedio.

Si possono ancora vedere al suo interno i solchi delle funi che gli Etruschi utilizzavano per tirare su i secchi pieni d’acqua.

La Casa del Cioccolato

Se siete degli amanti della cioccolata, Perugia è decisamente la città giusta per voi. Nel quartiere di San Sisto in periferia, all’interno dello stabilimento produttivo Nestlé che ha ormai acquisito la Perugina, si trova la Casa Del Cioccolato Perugina.

La visita vi consente di scoprire non solo il museo, ma anche l’attuale fabbrica in cui vengono prodotti alcuni dei cioccolatini più conosciuti e buoni al mondo.
Durante la visita si possono vedere gli incarti storici e le immagini storiche della fabbrica del cioccolato che ha cambiato diverse sedi negli anni senza mai lasciare la città.

Viene dato risalto all’intera storia del celebre Bacio, a cui è dedicata una intera sezione dell’archivio fotografico; inoltre, si può fare una degustazione e usufruire del negozio con prezzi scontati.

Cosa fare a Perugia

Perugia è una città vissuta, cordiale e accomodante. Non ci sono attività da fare che non vi divertiranno o intratterranno, dalla semplice passeggiata per le vie del centro, all’assaggio di piatti tipici della zona, alla visita alle decine di musei e mostre presenti, al giro nei dintorni, alla frequentazione di festival e attività culturali fino ad arrivare alle feste universitarie.

Ogni genere di gusto in fatto di divertimento può essere tranquillamente soddisfatto da questa piacevole cittadina Umbra in qualsiasi periodo dell’anno.

Cosa fare con i bambini a Perugia

La prima attività a Perugia con i bambini è sicuramente la visita alla Casa del Cioccolato, tra le tante attività settimanali sicuramente si possono trovare anche laboratori adatti ai più piccoli, magari da svolgere in contemporanea a quelle degli adulti.

Ci sono anche diversi musei a misura di bambino, se non addirittura dedicati, ad esempio il Museo del Giocattolo e il Museo delle Marionette.

Il primo raccoglie quasi 2000 giocattoli, pezzi che risalgono dall’1800 ai giorni nostri; i percorso si snoda in varie tematiche come il gioco da tavolo o i giochi popolari ed è racchiuso in un largo spazio di oltre 300 mq molto luminoso. Oltre all’esposizione il museo organizza laboratori di ogni genere e spettacoli teatrali e di animazione, ideale per passare una giornata diversa.

Il secondo museo invece è una collezione di marionette, burattini e pupazzi costruiti ed utilizzati dalla compagnia teatrale Tieffeu, molto famosa dagli anni 80 ad oggi. Anche in questo museo vengono organizzati eventi e laboratori per i bambini e c’è un teatro di 96 posti annesso alla struttura.

Cosa mangiare a Perugia

Posto che il re dei prodotti di Perugia rimane sempre il cioccolato che potete trovare in tutte le forme nella famosa fabbrica della Casa del Cioccolato e in molte altre pasticcerie storiche nel centro, ci sono anche molti altri prodotti tipici gustosi e piatti prelibati da provare. Vediamo quali sono:

  • Gnocchi al sugo d’oca; il titolo già dice tutto si tratta di deliziosi gnocchi di patate fatti a mano e conditi con un sugo a base di carne d’oca giovane;
  • Umbricelli al rancetto; gli umbricelli sono una pasta tipica umbra simili a spaghetti ma più tozzi, così chiamati perché ricordano i lombrichi di terra, in questa versione sono conditi con sugo, pecorino e pancetta, ma si possono trovare anche con altri condimenti;
  • Stringozzi o Strangozzi al tartufo; anche questo tipo di pasta è tipicamente umbra e si serve solitamente abbinata con il tartufo cotto poco insieme a ottimo olio di oliva o burro fuso;
  • Palombacci alla perugina; si tratta di piccioni selvatici cotti in recipienti di terracotta, un tempo sulla legna oggi in forno, sono ripieni di uovo e salsiccia e avvolti in fette di prosciutto;
  • Brustegnolo; un dolce tipico dalle origini povere a base di farina di mais, olio di oliva, mele, frutta secca e un goccio di liquore, un tempo era autunnale ma oggi si trova tutto l’anno;
  • Torta al testo; un tipico pane dalle origini molto antiche, si trova in tutta l’Umbria ed è molto diffuso a Perugia dove viene servito in numerose versioni diverse, la base è semplicemente acqua, farina, bicarbonato e sale e viene farcito con salumi e formaggi di ogni genere;
  • Impastoiata; un piatto tipico che risale al medioevo quando le famiglie lo mangiavano perché era semplice e veloce da preparare, si tratta di una polenta di mais con fagioli bolliti e salsa di pomodoro, molto saporito ed energetico;
  • Gobbi alla perugina; un piatto unico o contorno a base di cardi marinati in olio, limone e prezzemolo posti in una teglia dove vanno a formare degli strati in una sorta di parmigiana con appunto parmigiano e sugo di carne.

Come arrivare a Perugia

Perugia è raggiungibile in autostrada dalle principali città italiane, come Roma, Napoli, Milano e Firenze, nelle quali si è costretti a fare scalo se si arriva dall’estero per poterla raggiungere in quanto non c’è nelle immediate vicinanze un aeroporto internazionale. In treno si possono trovare coincidenze per Perugia sulle linee che collegano le maggiori città

Eventi a Perugia

  • Eurochocolate; il festival con protagonista il cioccolato per eccellenza si doveva per forza tenere nella città del cioccolato. Ogni anno questo festival viene organizzato a Perugia, in uno spazio dedicato, e ospita stand per degustare, conoscere e comprare tutto il cioccolato che volete. Ci sono anche ovviamente laboratori, workshop e visite didattiche che mostrano tutti i processi produttivi antichi e moderni. Approfittate per una visita alla città durante il periodo autunnale, non ve ne pentirete.
  • Sagra Musicale Umbra; uno dei più antichi festival musicali di tutta Italia si tiene proprio a Perugia alla metà di Settembre. Principalmente il festival promuove la composizione di musiche sacre, spirituali e profonde, ma ospita anche artisti e compositori di altri generi. Ogni anno il programma cambia aggiornandosi sempre di più con nuovi artisti, cori e orchestre del panorama internazionale.
  • Umbria Jazz; il più importante festival della musica jazz in Italia si svolge proprio a Perugia nel mese di luglio. Le città e le piazze si affollano creando un’atmosfera eccezionale che fa da sfondo alle esibizioni e ai concerti nelle piazze e nell’arena Santa Giuliana.
  • Festival Internazionale del Giornalismo; una manifestazione particolarmente tecnica per gli appassionati del genere e per gli addetti ai lavori. Si tratta di qualche giorno di discussioni, workshop, presentazioni di lavori e libri, premiazioni e molto altro con ospiti di rilievo da tutto il mondo.
  • Festa di San Lorenzo e San Costanzo; per la festa del patrono a Perugia si spargono per la città stand con deliziose specialità locali e ci sono processioni ed eventi tipici delle sagre.

Quando andare a Perugia

I periodi migliori per vedere Perugia sono da Aprile a Giugno e da Settembre a Novembre. I primi mesi dell’anno sono infatti generalmente troppo freddi per godere di una visita, inoltre c’è il rischio di precipitazioni sia di pioggia che di neve, mentre quelli estivi sono troppo caldi.

Cosa vedere nei dintorni di Perugia

Anche intorno a Perugia le cose da visitare, vedere e fare non mancano, vediamone alcune:

  • L’Ipogeo dei Volumni; si tratta del più antico monumento funerario etrusco di Perugia. Risalente al III secolo a.C., l’ipogeo è parte della Necropoli del “Palazzone”, che comprende più di 200 tombe. Fu costruito per accogliere le spoglie della famiglia dei Volumni, la struttura comprende un atrio e ben sette stanze e racchiude urne cinerarie di travertino, terracotta, marmo e arenaria provenienti dalla Necropoli.
  • Fuseum; si tratta di un parco-museo creato dall’artista Brajo Fuso tra il 1960 ed il 1980 e comprende un centinaio delle sue opere maggiori e un originalissimo zoo dove l’artista ha raccolto tutti gli animali finti che ha creato usando materiali di recupero. Nel parco si trova anche un teatro dove, in estate, si svolgono spettacoli di danza, musica e commedie.
  • Città della Domenica: Parco per famiglie; si tratta di un bosco incantato dove vivono in libertà daini, mufloni, scoiattoli e altri piccoli amici; lungo i sentieri i bambini potranno fare amicizia con gli animali della fattoria, con esemplari europei di specie protetta e incontrare la mascotte del parco, il grazioso Asinello Bianco, specie salvata dall’estinzione.

Nel parco, inoltre, è possibile rivivere le fiabe più belle, incontrare principesse, maghi e gnomi nelle loro case magiche.

Il Trenino storico percorrerà tutto il perimetro del parco facendo diverse divertenti tappe: il Vecchio West, a Fort Apache, dove si potranno incontrare i leggendari cow boy, attori che daranno vita a divertenti avventure, ma anche l’area Medievale dove i cavalieri si sfideranno in esaltanti duelli.

Infine verso l’uscita del parco si può visitare il Rettilario, uno dei più importanti d’Europa, al cui interno sono stati ricreati habitat per alligatori, caimani e tante specie di serpenti tra cui alcuni dei più velenosi esistenti al mondo; il tutto con un biglietto scontato per chi ha già visitato il parco.

Dove dormire a Perugia

La zona migliore per dormire mentre si visita Perugia è sicuramente il centro storico dal quale gli spostamenti verso fuori risultano anche più semplici essendo presente la stazione centrale e molte linee bus. I prezzi in questa zona sono variabili dai 40 euro a notte in su e si possono trovare sia alberghi che B&B che appartamenti.

Un’altra zona ideale per dormire è la movimentata Porta S.Susanna nella quale sono presenti molti ristoranti e locali alla moda. La fascia di prezzi è leggermente più alta della prima zona.

Cosa non fare a Perugia

Assolutamente vietato visitare Perugia lasciandosi sfuggire la Casa del Cioccolato con altrettanto obbligatorio assaggio dei cioccolatini tipici o peggio ancora andarci mentre si è a dieta.

 

Lascia un Commento

WordPress Video Lightbox